Il Potere dei Cittadini il fatto quotidiano pietro paganini non ripete.png

Il Potere dei Cittadini – Il Fatto Quotidiano – Raffaello Morelli e Pietro Paganini – Commento

Con R. Morelli abbiamo pubblicato un nuovo commento per il Fatto Quotidiano. Per il Fatto ci siamo chiesti perché i media attaccano il voto online del Movimento 5 Stelle. La gestione e la Democrazia interna dei partiti appartiene appunto ai partiti e ai loro elettori. I media dimostrano un inutile accanimento nei confronti dei M5S che genera solo maggior populismo. 

Paganini Non Ripete - e-zine Road to the Future

The weekly e-zine that analyzes economic and social facts, elaborates and shares ideas, helps anticipating the future.

Per il Fatto Quotidiano abbiamo spiegato che si cercava un Governo tecnico senza passare per il processo democratico del Parlamento. Invece, M. Draghi si è dovuto confrontare con i partiti, e raggiungere un compromesso. 

Leggi l’intero articolo qui sul sito del Fatto Quotidiano >>> o qui sotto 

Il Potere dei Cittadini

Nei commenti di vari grossi media sul lavoro del Presidente incaricato Draghi, viene sempre più a galla il disappunto perché il dato distintivo di questo lavoro è la continuità politico culturale e non la discontinuità che quei mezzi vogliono da molti mesi. La discontinuità servirebbe a seppellire la scelta elettorale nel marzo ’18, che ha dato al M5S un’ampia maggioranza relativa in Parlamento e ha portato ad estromettere le precedenti consorterie burocratico finanziarie. Con la discontinuità non peserebbe più il ruolo parlamentare, perché si sarebbe dato di nuovo mano libera ai competenti a partire dal Presidente della Repubblica, cui è attribuito un ruolo che non gli spetta e che lui non cerca.

TI SEI PERSO L’INTERVENTO PER NOTIZIE.IT: IL TEMPO DI DRAGHI? ECCOLO >>>

Con gran disappunto di quegli ambienti, Draghi ha riconosciuto fin dall’inizio la priorità del Parlamento e delle sue scelte. E ha proseguito intessendo incontri con i partiti e con i gruppi parlamentari , cominciando dall’ascoltare  le loro indicazioni. Subito i mezzi di comunicazione hanno scritto che attorno a Draghi c’era la ressa (ma era solo disponibilità al confronto, non rinuncia alle rispettive posizioni). 

Poi, Draghi ha fatto filtrare i punti fondamentali del proprio programma di governo da sottoporre al voto in Parlamento per la fiducia (in primo piano l’europeismo e l’alleanza atlantica, l’uso propulsivo dei fondi Recovery, il vincolo ambientale, il reddito di cittadinanza meglio strutturato, l’attenzione alla struttura produttiva del paese, in specie informatica, decisiva per il futuro). Ma sempre battendo sulla richiesta del venir accettato nel voto in Parlamento.  E allora alcuni media hanno cominciato a denunciare il deciso dibattito in corso in partiti di rilievo (tipo M5S, Lega, PD) quasi fosse uno sfregio alla concezione elitaria che Draghi va accettato e basta.

SCOPRI CHI SONO I LONG HAULER SU FORMICHE >>>

Il colmo è stato raggiunto nei giornali  di martedì 9. Attacchi tanto furiosi quanto inconsistenti al M5S , reo di sottoporre il progetto del governo Draghi al giudizio dei suoi iscritti tramite la piattaforma Rousseau. Sul Corriere è scritto che questo giudizio è una liturgia  che conta più di un governo di salvezza nazionale, è   una messinscena per far decidere a qualche decina di migliaia di persone una questione dell’intero paese; su Repubblica è scritto che incredibilmente il M5S ha fissato addirittura due giorni di conta on line per stabilire se aderire al nuovo esecutivo Draghi. Sono tipiche manifestazioni di una mentalità chiusa ai cittadini, sempre propensa a sostenere gli interessi degli ambienti bene (da appoggiare senza discutere perché loro sanno cosa fare) e non a ragionare sul confronto tra i progetti in tema di come convivere in base ai fatti.

RIASCOLTA RADIO RADIO SUL PROGRAMMA DI DRAGHI >>>

Se Draghi otterrà la fiducia in Parlamento (e noi auspichiamo di sì), sarà perché il suo è un governo nuovo nelle persone che lo compongono, con un Presidente di comprovata grande esperienza economica e capacità operative in Europa (il che è particolarmente importante) ma in specie perché è un governo di continuità politico culturale (la riprova è la svolta della Lega) fondata sulla continua attenzione alle decisioni degli attori della democrazia rappresentativa.

Il Potere dei Cittadini – Il Fatto Quotidiano – Raffaello Morelli e Pietro Paganini – Commento

Author

PNR