Corona Virus Irresponsabilità Emotiva pietro paganini giacomo gamberi NYT

Corona Virus Irresponsabilità Emotiva – PNR 162 – Pietro Paganini

Corona Virus Irresponsabilità Emotiva, Come per il gioco del pallone siamo diventati esperti di virus e pandemie. Come per il calcio approcciamo i problemi in modo emotivo. La vicenda del Corona Virus conferma che il nostro paese è sprovvisto di uno strumento che possa ipotizzare scenari e quindi, prevedere strumenti di difesa in caso di pandemie, attacchi militari e/o terroristici, collassi infrastrutturali, etc. Perché?
 
Sta decollando la campagna per il SI al Taglio dei Parlamentari. Ecco le ultime iniziative>>> 
 
Il grafico della settimana racconta i numeri del Corona Virus >>> 
 
Per il Paganini non Ripete: come cambieranno le città con l’avvento dei droni? Gli scooter ibridi e l’architettura nei ghiacci. 

Tutta la e-zine 162 di Paganini non Ripete con le meravigliose immagini >>>

Paganini Non Ripete - e-zine Road to the Future

The weekly e-zine that analyzes economic and social facts, elaborates and shares ideas, helps anticipating the future.

Image credit: Giacomo Gambineri for the NYT >>>

CORONA VIRUS: IRRESPONSABILITÀ EMOTIVA

Per il Maestro giornalista G. Brera “il calcio è la metafora della vita”. Osservando l’interpretazione che in un paese si da del calcio (giocato, commentato, tifato, ignorato) dovremmo essere in grado di comprenderne la cultura, cioè consuetudini, costumi, e valori che caratterizzano la nostra convivenza. Il calcio in Italia riflette la nostra cultura, il modo in cui conviviamo, appunto. 
Perciò, non c’è da stupirsi per come stiamo affrontando la diffusione del Virus Covi-19Esattamente come viviamo il gioco del pallone: emotivamente e senza un approccio sperimentale. 
PERCHÈ È IMPORTANTE?   La diffusione violenta di virus minacciosi per la salute dei cittadini, come il Corona, seppure improbabile e rara, non deve essere inaspettata. Così per i terremoti, per gli incidenti infrastrutturali, per attacchi militari o terroristici. 
PREDIZIONE   È normale predire che potranno verificarsi pandemie. Non è successo così per il Covi-19
SCENARI E INTELLIGENCE  Non esistono analisi di scenario che ipotizzano diverse possibili situazioni in caso di diffusione di un virus, come il Corona, o di un attacco chimico. Eppure, lo Stato si forma per migliorare e garantire la convivenza tra individui. Tra i suoi compiti vi è quindi, la tutela della Libertà dei cittadini, tra cui, anche, la loro sicurezza. Per farlo un paese si dota di un intelligence, di un dipartimento che raccoglie informazioni e elabora possibili scenari, indicando potenziali reazioni per proteggere gli interessi dei propri cittadini. 

LEGGI L’EDITORIALE PER IL QUOTIDIANO DEL SUD SULL’ECONOMIA E GEOPOLITICA DEL CORONAVIRUS >>>

RAGIONE VS EMOTIVITÀ   L’Italia è sprovvista di questo strumento di informazione e programmazione che ci aiuterebbe a reagire più razionalmente ad eventuali pandemie o crisi di ogni genere. Da noi prevale l’emotività, esattamente come nel calcio. 
LA DIFFUSIONE DEL VIRUS   è un fatto spiacevole che da noi si è subito drammatizzata sollecitando le nostre emozioni che hanno preso il sopravvento rispetto ad un piano di contingenza che di fatto, non esiste. 
SCIATTERIA   La rarità degli incidenti ci inducono superficialmente a ritenere che non possano verificarsi e che quindi qualsiasi cautela per prevenire il rischio – anche quello rarissimo – non sia necessaria. Si spiegano così, la drammatica leggerezza che fa pensare impossibile morire sul lavoro o avere incidenti stradali. Lo stesso vale per le infrastrutture che, collassano anche negli altri paesi, ma da noi lo fanno per la superficialità con cui sono costruite e manutenute. 

LEGGI LE ULTIME INIZIATIVE SUL REFERENDUM: SI AL TAGLIO DEI PARLAMENTARI:

INTERVISTA A VISTA >>>

INTERVISTA AL TG1 >>>

MIGLIORARE LA DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA PNR 160 >>>

L’ILLUSIONE   Ci abbandoniamo al destino, nella convinzione che non possa succedere proprio a noi. È un’illusione che ci consente di crogiolarci in noi stessi, denigrandoci o esaltandoci all’ennesima potenza attraverso le forme evocative di cui la lingua – altro strumento culturale – ci ha dotato. 
L’IDEOLOGIA   Questa è una certezza culturale che affonda le sue radici nell’idea religiosa ed ideologica per cui tutto risponda ad un’idea fissa delle cose che non muta al passare del tempo. Non siamo infatti, una Democrazia Liberale compiuta che si fonda soprattutto, sulla responsabilità dell’individuo nel promuovere le libertà soggettive ma anche nell’assicurare la tutela di quelle oggettive attraverso il governo della legge, e quindi lo Stato, rispetto al dover affrontare il passar del tempo e il probabilismo nelle cose del vivere. 
COSA C’ENTRA IL LIBERALISMO?   In quanto metodo attento ai cambiamenti ci avrebbe consentito di essere pronti nell’evenienza di una pandemia qualsiasi, non necessariamente questa, ma anche a questa del Corona Virus, con una serie di possibili scenari e di scelte da prendere. Non significa che avremmo trovato la soluzione perfetta, ma certamente avremmo compiuto scelte ragionate. 
P.S. Responsabilità maggiore va certamente attribuita alle burocrazie dello Stato che rispetto ad altri paesi non contemplano questa forma di attività. Uguale responsabilità va data ai media per come enfatizzano l’emotività di noi cittadini. Esattamente come gli stessi media raccontano oggi le cronache delle partite. PAZZESCO. 

Corona Virus Irresponsabilità Emotiva – PNR 162 – Pietro Paganini

Author

PNR