Regeni Caso Chiuso Pietro Paganini

Regeni Caso Chiuso – Paganini non Ripete 178 – Pietro Paganini

Buona Domenica e ben tornato/a al Paganini non Ripete 178,
Regeni Caso Chiuso – questa settimana il mio Paganini non Ripete affronta il Caso Regeni. Non ci sarà alcuna giustizia per Giulio Regeni. Non ci sarà alcuna verità. Non illudiamoci. Il Governo (non solo l’attuale) galleggia in attesa che l’attenzione (tenuta viva da chi sa chi, oltre la famiglia) e l’emotività svaniscano con il tempo. È il tipico atteggiamento della diplomazia burocratica e della politica estera italiana. Tirare a campare è un’arte, ma povera>>>
 

Il grafico della settimana: la pace nel mondo, con qualche sorpresa >>>

Paganini Non Ripete - e-zine Road to the Future

The weekly e-zine that analyzes economic and social facts, elaborates and shares ideas, helps anticipating the future.

Paganini non Ripete: una meravigliosa immagine del solstizio d’estate; l’astronave per turisti; il primo  ponte che diventa hotel; la prima eco micro casa mobile  >>>

Buona Settimana,
Paga

Leggi la e-zine 178 di Paganini non Ripete con tutte le meravigliose immagini in formato grafico >>>

Rivedi tutti i Paganini non Ripete >>> con tutte le immagini qui >>>

 

NOTA DELLA SETTIMANA

Che fine ha fatto il Parlamento? 

ANALISI DELLA SETTIMANA – REGENI CASO CHIUSO

Non ci sarà nessuna verità su Giulio Regeni
GIULIO È MORTO   È stato ammazzato, probabilmente in modo molto brutale. Le ragioni non saranno mai comunicate ufficialmente, né dall’Egitto né dall’Italia
Mantenere aperto il caso Regeni è un’offesa alla memoria di Giulio; è un ulteriore dolore per la famiglia; è una presa in giro dei cittadini.
PERCHÈ È IMPORTANTE?Le istituzioni stanno trascinando il caso perché non possono risolverlo. O non vogliono o non sono capaci. O una, o l’altra, o entrambe. I cittadini, non solo la famiglia, devono avere dalle istituzioni una risposta definitiva
IL GOVERNO EGIZIANOnon ha intenzione di garantire alcuna spiegazione. La ragione è semplice. Giulio Regeni non era in Egitto per turismo. Non era nemmeno un semplice studente. Ufficialmente non è dato sapere, e mai lo sapremo, ma Giulio Regeni era quantomeno un informatore dei servizi di intelligence di qualche paese. Non importa se italiano o inglese come si mormora. 

LEGGI ANCHE IL PAGANINI NON RIPETE 177: BLACK LIVES MATTER: LA DIVERSITÀ E I SUOI NEMICI >>>

Nessuno di questi servizi si è attivato per salvarlo (forse non c’era tempo). Nè si sono mossi, alla luce del sole, per vendicarlo o chiedere giustizia. Non importa nemmeno che Regeni abbia infranto delle regole tacite per cui è stato abbandonato al suo destino. 
LA RICHIESTAQuello che pretendiamo è che l’attuale Governo chiuda il caso. O si impegna davvero per ottenere la verità e giustizia, a tutti i costi, o mette la parola fine al caso con un nulla di fatto. 
DIPLOMAZIA DI PULCINELLA È evidente che per ottenere la verità la diplomazia non è sufficiente. Serve una guerra, che sia commerciale o violenta. Ma ce la possiamo permettere? Ne abbiamo voglia? No. 
SCOPRI TUTTO SUL MES: PAGANINI NON RIPETE 176: MES VERITÀ NASCOSTE >>>
I Governi (non solo l’attuale) preferiscono allora, trascinare la questione nel tempo, confidando che si annacqui, che i cittadini dimentichino, che l’emotività svanisca. 
È tipico del dibattito mediatico, di quello politico e della burocrazia italiana, che nei secoli ha preferito galleggiare pur di prendere una posizione forte a tutela dei suoi interessi. Lo dimostra la pochezza della nostra politica estera. Anche Giulio Regeni ne è vittima. Con questo teatrino è morto due volte, in Egitto e in patria. 
Galleggiando non si affonda ma non si arriva a riva, si vaga senza meta. 

Regeni Caso Chiuso – Paganini non Ripete 178 – Pietro Paganini

Image Credit James Heimer NYT >>>

Author

PNR