Covid-19 Le Patologie Dimenticate pietro paganini

Covid-19 Le Patologie Dimenticate Violazione delle Libertà e Diritti

Questo è il mio commento pubblicato da Formiche in cui analizzo la riduzione dei ricoveri per tutte le patologie che non sono covid-19 ma l’incremento delle morti. 50% meno ricoveri da infarto, più 200% morti da infarto. Numeri drammatici che dimostrano che il Governo e il Sistema Sanitario Nazionale SSN discriminano i pazienti, dividendoli in caste. Diminuiscono e si posticipano tutte le attività per la prevenzione di malattie o la loro degenerazione. Rischiamo di pagare un conto salato tra qualche mese in termini di vite e di costi sanitari. 

Paganini Non Ripete - e-zine Road to the Future

The weekly e-zine that analyzes economic and social facts, elaborates and shares ideas, helps anticipating the future.

Leggi il commento sul sito di Formiche qui >>>

Covid-19 e Le Patologie Dimenticate

Presi emotivamente dal Covid-19 abbiamo accantonato le altre patologie. Il coronavirus ha migliorato la salute dei cittadini non Covid-19? No, purtroppo. E alcuni numeri sono preoccupanti. L’analisi di Pietro Paganini, presidente di Competere

Dibattiamo sul calcolo delle vittime da Covid-19. Ogni paese, ogni regione, sembra usare criteri di misura diversi. La mortalità per Covid-19 è molto bassa, mentre ha una certa consistenza quando associata ad altre patologie. La conclusione è che il Covid-19 è un veicolo per passare a miglior vita sia che agisca indipendentemente sia che contribuisca ad aggravare patologie già presenti. Senza Covid-19 chi era affetto da altre patologie poteva probabilmente sopravvivere più a lungo, sempre che altri fattori, virali per esempio, non fossero intervenuti nel frattempo.

Presi emotivamente dal Covid-19 abbiamo accantonato le altre patologie. Dovremmo rispondere ad un’altra domanda: qual’è la percentuale di decessi indotti dal Covid-19?

Sono stati posticipati o cancellati gli interventi e le visite di routine. C’è e ci sarà un costo. Sono diminuiti gli interventi e potrebbero essere aumentati i decessi ad essi associati.

APPROFONDISCI LEGGENDO COVID-19 E LA MORTE INDOTTA >>>

Secondo fonti mediche attendibili, e solo parzialmente pubbliche, il numero dei ricoveri per infarto è calato di circa il 50% durante il periodo Covid-19 (70% addirittura in strutture della Lombardia), per esempio. Mentre sono aumentati i ricoveri tardivi e i successivi decessi per le conseguenze di infarti non curati tempestivamente. La Società Italiana di Cardiologia ha suonato l’allarme. Ma per ora non è stata ascoltata.

Potrebbe essersi verificato che chi ha avvertito problemi al cuore non è ricorso al Pronto soccorso. Le ragioni sono molteplici, e vanno dalla paura indotta dalla cattiva comunicazione dei media delle Regioni e del governo al suggerimento del proprio medico a sua volta consapevole della situazione interna agli ospedali.

La diminuzione dei ricoveri non si riscontra solo nelle zone più colpite dal virus proveniente dai laboratori di Wuhan. E ha coinvolto anche il ricovero per il malfunzionamento dei dispositivi medici come, i pacemaker per esempio.

LEGGI ANCHE DIVIDE ET IMPERA: EGEMONIA CINESE >>>

Che il Covid-19 abbia migliorato la salute dei cittadini non Covid-19? No, purtroppo. E dovremmo essere preoccupati perché anche quelli che si sono fatti ricoverare, lo hanno fatto con estremo ritardo. La tempestività è cruciale per identificare la patologia sia per l’efficacia della terapia.

Gli ambulatori restano chiusi. Ci sono e ci saranno meno diagnosi, e soprattutto, meno attenzione a patologie che potrebbero avere conseguenze gravi nell’immediato.

Negli Stati Uniti, come riportato da diversi media specializzati, molti centri sanitari non Covid-19, hanno chiuso o parzialmente ridotto le proprie attività, licenziando il personale medico e sanitario.

Covid-19 Le Patologie Dimenticate Violazione delle Libertà e Diritti

Author

PNR